Stemma Artogne Artogne
ARTOGNESI (Mischerpýne - Magole) :
1.720 (anno 2012)
SUP. COM. Kmq : 21,3 H.m.: 266 s.l.m. Prefisso Tel.: 0364
Da BRESCIA e BERGAMO
Km.
60,6
Da MILANO
km.
110
FRAZIONI
Acquebone, Piazze, Montecampione
CAP. : 25040


Le Immagini del Paese
Panorama del paese
La Parrocchiale
Particolare della facciata
Chiesetta di S.Maria Elisabetta
IL NOME:
Artogne (Art˛gne) - Artognis (1336 e 1406) - Artonibus (sec. XV) - Artogni (1587-1599)
il nome Artogno, che fu riportato, con questa terminologia, da Leonardo Da Vinci nella sua famosa mappa con schizzi dalla Valle Camonica, potrebbe derivare dall'aggettivo latino "artus" o dal gentilizio romano "Artenins" composto da "Art" (termine con radice ignota) ed "Ogne" che Ŕ il plurale di "ogna" (ontano, nome molto diffuso in tutta la Valle Camonica). Alcuni studiosi di toponomastica ed etimologia propendono per˛ per l'ipotesi che "Artogne" derivi dal germanico medievale "hart" (fortezza o recinto difensivo) e dal longobardo "thon" che indicava quei recinti rurali in cui venivano custoditi capi di bestiame (di solito ovini e bovini). Dunque Artogne in origine, se si da credito a quest'ultima versione sull'origine del nome, potrebbe essere stato un centro fortificato, magari anche abitato da allevatori, o centro di mercato o di scambio di bestiame, posto sulle vie di comunicazione della bassa Valle Camonica.


LA STORIA :

    Il paese dovrebbe avere le sue origini da un antico insediamento o un luogo fortificato che i romani, durante la loro campagna di occupazione, avevano costruito a cavallo della importante strada Valeriana che percorreva in tutta la sua lunghezza la Valle Camonica. Nella zona sono state infatti ritrovate delle lapidi romane che attestano la presenza in loco di un presidio o di un piccolo borgo, formato forse da alcune abitazioni rurali. Nella zona, forse addirittura giÓ in epoca preromana, potrebbero essere stati presenti dei recinti o degli spiazzi delimitati in cui venivano ricoverati e ammassati i capi di bestiame che poi salivano in altura, sulle montagne circostanti, per l'alpeggio. Questo sistema di allevamento, ancora presente sulle nostre montagne, Ŕ una pratica antichissima, adottata anche dai primi abitatori della Valle: i Liguri. Furono proprio loro ad importare l'allevamento del bestiamo "grosso e minuto" nelle vallate alpine e avevano imparato, seguendo l'evolversi delle stagioni, a sfruttare nel periodo estivo-autunnale i vasti prati posti in quota appena oltre il limitare dei boschi, per poi fare ridiscendere le mandrie e greggi a quote pi¨ miti durante il periodo invernale.
    Tutta la bassa Valle Camonica, comprese le terre di Artogne, in epoca medioevale e carolingia e fino attorno all'anno mille fu donata, con bolla imperiale, ai monaci del potente convento francese di Marmoutier, che tra le varie opere messe in cantiere iniziarono a eseguire delle vaste bonifiche su tutto il territorio acquitrinoso che occupava tutto il fondovalle della Bassa Valle Camonica: il lago Sebino si estendeva fino a Montecchio o pi¨ su fino a Cividate.
    Nel XII secolo, mediante scambi territoriali, donazioni, investiture e molti scontri armati, la Valle divenne feudo del vescovo di Brescia che a sua volta investý di vasti beni e benefici, nella ampia area posta subito a Nord del lago d'Iseo, da Pisogne ad Artogne, la nobile e antica famiglia dei Brusati. L'investitura avvenne con atto ufficiale della Curia il 12 marzo del 1233. Circa un secolo dopo, in un documento notarile del 1331, si legge che le vaste proprietÓ di Ghirardo Brusati, nel territorio di Artogne e Gratacasolo, erano state acquistate da Zanone e Ziliolo figli di Bajaco Federici di Gorzone, per 2.663,5 lire imperiali (somma enorme per quei tempi). Sembra che, proprio da questi accorpamenti e compra-vendite di varie proprietÓ appartenenti ad antiche famiglie nobiliari (in molti casi decadute o in difficoltÓ o in estinzione), nacque la potenza della famiglia Federici. Il ceppo dei Federici, in breve tempo, divenne, nei suoi innumerevoli rami, la pi¨ potente casata della Valle Camonica. Alcuni studiosi di storia locale ritengono che gli stessi Federici di Artogne siano discendenti o consanguinei degli stessi Brusati e che derivino il loro nome da Federico Barbarossa, imperatore che li investý di numerosi privilegi e titoli. Tra i vari rami in cui si divise la famiglia, i Federici di Artogne, dapprima ghibellini e dunque alleati dei milanesi Visconti e contrari alla curia bresciana, col dominio della Serenissima Repubblica Veneta si avvicinarono (a pi¨ riprese e secondo le convenienze politiche del momento) alla nobiltÓ bresciana e al vescovo Berardo Maggi, allora Duca di Valle Camonica: anche per questo motivo i Federici di Artogne vennero iscritti nel 1454 nell'elenco dei nobili bresciani.
    Dalla sua fondazione nel XIV secolo e fino al 1578 la chiesa di San Cipriano fu dipendente dalla vasta e antichissima Pieve di Rogno che era posta per˛ sull'altra sponda dell'Oglio.
    Nel 1578 la parrocchia di Artogne divenne a sua volta vicariato e proprio in sostituzione di Rogno. Vasta era la sua giurisdizione ecclesiastica che estendeva il suo controllo sulle chiese dei territori di Rogno, Angolo, Darfo, Erbanno, Montecchio, Gianico, Gorzone, Anfurro, Corna, Piazze, Monti e Piano: giurisdizione che venne per˛ notevolmente ristretta alcuni anni dopo con il distacco e la creazione di numerose altre parrocchie.
    Resta negli annali della storia di Artogne la data del 24 aprile 1580, quando il cardinale Carlo Borromeo, in visita episcopale in valle Camonica, visit˛ la locale parrocchia e la trov˛ in ordine e ben funzionante tanto che i religiosi e la popolazione locale furono ufficialmente lodati (e il futuro San Carloů non era certo tenero nei suoi giudizi !!).
    Durante l'omelia della messa Grande, in una infuocata predica, per˛ minacci˛ di scomunica alcuni concubini (minaccia assai ricorrente a quei tempi) e raccomand˛ di stare lontani dalle idee giansenistiche e protestanti che avevano fatto la loro timida e fugace comparsa anche nel territorio della Valle Camonica, portate dai numerosi mercanti che giungevano dalla non lontana Svizzera e transitavano lungo la via Valeriana che era rimasta la principale arteria valligiana.
    Nel Catastico del 1610, redatto dal podestÓ veneto Giovanni da Lezze, Artogne risultava essere dotata di una vasta autonomia comunale la cui giurisdizione amministrativa comprendeva anche le terre, i boschi e i pascoli di Piazze e di Acquebone, agglomerati di case posti a mezza costa e in montagna. Vista la posizione non ideale per coltivazioni intensive (sempre secondo il Lezze), le terre coltivabili di Artogne producevano scarsi cereali ed uve, ma molta fienagione, pere, mele e castagne.
    Fonte notevole di reddito (e lo fu per secoli) erano appunto le castagne che seccate o ridotte in farina (farýna de schŔlt) erano la base per la produzione di biscotti, apprezzati e conosciuti anche fuori dalla Valle Camonica. L'allevamento di bestiame restava comunque la principale fonte di sostentamento, ma vi erano anche quattro fucine, per la lavorazione del ferro e di alcune sue leghe, che ponevano Artogne tra i centri pi¨ vitali della Valle. Alcuni mercanti bergamaschi, delle non lontane Lovere e Castro, in cui la lavorazione dei metalli era giÓ impiantata da tempo, avevano ottenuto la concessione da Venezia per estrarre minerali, che si trovavano nel comune di Artogne, tra i quali i pi¨ appetibili e anche relativamente diffusi erano l'argento e il piombo.
    Dopo il periodo in cui spadroneggiavano i vari signorotti locali che, per salvaguardare i propri interessi, si appoggiavano ai vari potentati bresciani, milanesi o veneziani, a seconda del vincitore di turno, nacque, anche se molto lentamente, una volontÓ popolare di autodifesa dai soprusi o la sensibilitÓ per una certa autonomia e si vennero cosý a creare le "Vicinie", prima come insieme di agricoltori per acquisire terre o attrezzi, poi per fondare una comunitÓ autogestita e democratica pi¨ vasta. Queste col tempo e con una lenta e complessa evoluzione politica si identificarono con le varie municipalitÓ comunali fino al periodo napoleonico.
    Queste "Vicinie", tra cui Artogne, restarono vive e attive nei loro organismi profondamente popolari e a suffragio allargato ai capi famiglia "originari", fino al periodo giacobino e lasciarono profondi segni di libertÓ e indipendenza amministrativa in molti comuni della Valle Camonica. Con la Repubblica Cisalpina, Artogne, come il resto della Valle, entr˛ nel dipartimento bergamasco del Serio e perse la sua autonomia comunale.
    Dopo la restaurazione post-napoleonica tutta la Valle con gli accardi al Congresso di Vienna, pass˛ sotto il dominio Austriaco e durante le guerre risorgimentali alcuni artognesi parteciparono alle varie vicende belliche contro l'Austria. Artogne dopo la creazione del Regno d'Italia venne nuovamente aggregata amministrativamente a Brescia. Anche ad Artogne, come in tutti ipaesi della Valle, vi fu una forte emigrazione che raggiunse l'apice negli anni 1904/1905 quando ben 132 artognesi, su una popolazione di 1795, andarono lontano d casa per cercare lavoro e una vita pi¨ dignitosa. Durante il ventennio fascista, nel 1927, avvenne la fusione e l'accorpamento tra i piccoli comune e Artogne venne unita al comune di Pian Camuno originando "Pian d'Artogne". Nel 1957 Artogne riottenne l'indipendenza amministrativa e ritorn˛ comune autonomo.

DA VISITARE:
Parrocchiale dei Santi Cornelio e Cipriano: in loco esisteva giÓ una chiesa del 1400, ma nel 1751 il tempio fu ampiamente ristrutturato, in stile barocco, proponendosi come tutt'oggi si vede. Su un lato vi Ŕ un bel portale in pietra simona mentre la facciata Ŕ caratterizzata da otto statue collocate in altrettante nicchie. All'interno l'altar maggiore, in puro stile barocco, Ŕ opera del noto artista Andrea Fantoni. Gli affreschi sono invece attribuiti a Ludovico Gallina. La pala coi "Santi Cornelio e Cipriano" Ŕ di Enea di Salmeggia dei Ghirardi. Pregevole la grande tela con l'"Adorazione dei Magi" opera di Gaspare Diziani. Rimarchevole anche un "Crocifisso" ligneo del 1700.
La Chiesa di SantĺAndreaŔ invece di inconfondibili linee quattrocentesche. Al suo interno vi sono degli affreschi la cui datazione e attribuzione non sono certe. Ben databili invece i due affreschi sulla facciata destra: del 1505 sono un "San Cristoforo" e del 1410 un "Sant'Andrea". Sul lato sinistro Ŕ visibile una "Vergine con santi" del 1618.
La Chiesa di Santa Maria Elisabetta Ŕ pure lei di classica impronta quattrocentesca. Il campanile invece riecheggia linee rinascimentali. I portali sono in arenaria rossa e quello d'ingresso Ŕ datato 1532, mentre quello laterale Ŕ del 1538. All'interno, sulla parete destra e sul presbiterio sono venuti alla luce degli affreschi di buona fattura. Tra i preziosi dipinti su tela vi Ŕ una "Visitazione" attribuita a Palma il Giovane e una "Madonna del Rosario" del Pitocchetto. Ancora al Pitocchetto Ŕ attribuita la "Via Crucis". Del 1500 invece un crocifisso in legno su cui sono visibili delle citazioni gotiche.
La Parrocchiale di Piazze, dedicata a Santa Maria della Neve fu in antico una chiesetta eretta nei primi anni del 1500. Fu rifatta quasi completamente nel 1700 conservando il bel portale in granito. All'interno sono visibili alcuni affreschi del 1700 attribuiti al Quaglio. Due dipinti sono del Corbellini e raffigurano un "Cenacolo" e "Quattro evangelisti". Buona fattura anche per una "Madonna" lignea.
La Chiesa di San Rocco Ŕ nella frazione Acquebone. fu edificata nel 1588 e di pregevole conserva una statua del patrono "San Rocco" dello scultore Giacomo Rossi.

LOCALITAĺ COMUNALI: (Molte delle localitÓ di seguito riportate forse non sono pi¨ presenti nella memoria delle nuove generazioni o nelle carte, o nei contratti notarili o nei testi contemporanei. Alcune risalgono, nella loro identificazione, a molti secoli addietro, altre hanno mantenuto intatto la loro localizzazione e il loro nome passando di proprietÓ in proprietÓ, altre ancora, anche ai nostri giorni, sono presenti in carte catastali, in contratti di compra vendita o semplicemente nella parlata di tutti i giorni).
Acquebuone (Acqueb¨ne; Achib¨ne; Aýveb¨ne)a m.662, frazione di Artogne posta sopra il comune di Piancamuno. Deriva dalla complessa parola celtica "agaag-ax" che indicava "acqua" e "bo-bu" (baita di legno: da questo si evince "baita presso l'acqua"). Questo termine si trova spesso nella toponomastica di localitÓ su tutto l'arco alpino.
Albera (└lbera)a m.1.019, ad est di Artogne era riportato, su alcune antiche mappe, un "prÓt de l'Ólbera" (prato dell'albera). Dalle voci dialettali "albera" ed "albara" (albera o pioppo).
Anina (Anina)Anýna (Anýna) a m.577: da nord scende la "└l de la Anýna" (Valle dell'Anýna), le cui acque si scaricano alla sinistra del torrente Re, nel territorio di Artogne.
Bassinale (BashinÓl)a m.1.915 e m.1.770 vengono rilevati fin dal 1600 due siti che sono denominati "P÷rta de BashinÓl" (Porta di Bassinale) e "Cad´na BashinÓl" (Cascina Bassinale) che sono riportati anche su alcune antiche mappe militari dell'ottocento. Sono collocati presso un passo di montagna, a cavallo tra la Val Trompia e la Valle Camonica e pi¨ dettagliatamente tra i Comuni di Bovegno ed Artogne. Questo sito Ŕ ora una localitÓ sciistica dotata di impianti di risalita. L'etimologia di questa parola si ascrive alla voce dialettale "bash" (basso), probabilmente perchÚ sul posto, i numerosi ed estesi pascoli d'altura, erano sfruttati per la pastorizia, fino agli anni '50. Attualmente vi Ŕ una baita a gestione comunale in cui il bestiame passa l'alpeggio nel periodo estivo.
Bassinaletto (BashinalŔt)) a m.1.600 circa: localitÓ a sud-ovest di Bassinale da cui si dirama una piccola e stretta valle sottostante.
Broccasecca (Br˛cashŔca)m.1.300, zona posta a cavallo della confluenza del torrente Re ad Artogne con una valletta laterale. "Br˛ca" (ramo al femminile) e "sŔca" (secca, morta), da cui "ramo secco".
Campione (Campi¨) Monte Campione, nota localitÓ sciistica. Dalla voce latina "campilius" o "campestris" (piano arabile). Prima dell'installazione di numerosi impianti sciistici e dei complessi esidenziali che la pongono tra le pi¨ note stazioni (sia invernale che estiva) di turismo della Valle Camonica, tutta questa vasta localitÓ era adibita a pascolo per l'alpeggio estivo delle mandrie di bovini, in parte alcuni terreni, posti comunque in quota, sono ancora adibiti a questo scopo nel periodo estivo.
Co (Cˇ) a m.334, a sud-est di Artogne era segnata su mappe catastali del secolo scorso una localitÓ denominata "Cˇ de CÓ": Ŕ una parola composta e deriva dalle due parole dialettali "cˇ" (capo, testa, apice, estremitÓ) e "cÓ" (cane), dunque "testa di cane".
Era (╔ra) a m.677, localitÓ a sud di Artogne. Il vocabolo potrebbe derivare dalla voce dialettale "Úra" (vera, fede nuziale, anello). Alcuni studiosi di toponomastica invece spiegano che potrebbe essere riferita ad "aia" che nel basso latino significava anche "campo non coltivato" o "spiazzo in cui venivano ammassate le derrate alimentari prima della lavorazione", da cui il "PrÓ dell'Úra" (Prato dell'anello oppure Prato incolto). "╚ra" nel dialetto camuno Ŕ termine molto comune per indicare anche una grande stanza, di solito al chiuso e posta sotto il fienile (per mantenere il tepore a temperatura costante, in cui erano poste le sementi per l'anno successivo o i cariaggi durante il periodo freddo.
Fabbrica (Fabrica) a m.216, zona pianeggiante a nord-ovest di Artogne.
Fodestal (FodestÓl) m.1.335, a sud-est di Artogne zona posta tra la Valle di Gratacasolo e la Valle Anina. Deriverebbe da "fˇ" (faggio) e "stal" (stallo). Con questo nome Ŕ identificata anche una nota pista di discesa di sci del comprensorio di Montecampione.
Fontanelli (FontanŔi) a m.1.200, localitÓ ad est di Artogne sotto il corno Torrosella. Qui Ŕ segnato, su mappe catastali dell'ottocento, una "Cadýna FontanŔi" (Cascina Fontanelli) il cui nome Ŕ assai probabile che derivi da un cognome abbastanza diffuso nella zona. "Fontanei" potrebbe anche indicare che in zona vi fossero delle sorgenti o pozze d'acqua.
FoppÚl (FopŔl):due sono le localitÓ che portano questo nome: la prima a m.588 in una vasta zona agricola a sud di Artogne e una seconda, in quota, a m.1151 sul lato destro della Valle di Artogne che prende il nome di "Cadýna FopŔl". "FopŔl" Ŕ diminutivo di "f˛pa" (fossa, buca, depressione del terreno) e indica la conformazione di un tratto di questo sito.
Frassineto (FrashinÚt)a m.507, zona a sud-est di Artogne. Deriva dal vocabolo latino "fraxinetum", plurale di "fraxinus", sinonimo della voce dialettale "frÓshen" (frassino, albero diffuso nella zona).
Luca (L÷ca) a m.1.763, localitÓ montana ad est di Artogne, sul lato destro della vecchia Valle dell'Orso, ora Valle dell'Inferno che sbocca sulla sponda sinistra dell'Oglio. Deriva con buone probabilitÓ dal nome maschile di persona "Luca" forse nome proprio di qualche proprietario terriero.
Luna (LŘna) a sud di Artogne, sul lato destro della Valle di Gratacasolo, Ŕ segnata, su alcune carte militari del periodo post napoleonico, la "F˛pa de la LŘna" (Foppa della Luna). Deriverebbe da "LŘna" (Luna inteso come il satellite del nostro pianeta ma pi¨ direttamente, vista l'etimologia dialettale molto diffusa, come stato d'animo di individuo permaloso ma anche impensierito o triste e preoccupato (Es.: 'L'gÓ la lŘna = ha la luna..di traverso).
Maione (Mai¨): vallata a sud-est di Artogne, diramazione alta della valle di Artogne, posta al di sotto del monte Corniolo. E' molto probabile che il suo nome derivi dal vocabolo dialettale camuno "mÓi" (maglio), dal quale l'accrescitivo "mai¨" (grande maglio), a ricordo della diffusa lavorazione del ferro e delle ferrerezze nella zona.
Marocchello (MarochŔl) a m.609, localitÓ a sud-est di Artogne il cui nome potrebbe derivare dalla parola, molto diffusa nel medio evo: "marocchina" che aveva il chiaro significato di rifiuto di merce, avanzo, scarto, mercanzia inutilizzabile o, anche carne guasta.
Mezzana (MesÓna) a sud-est di Artogne si trova una "┴l MesÓna" (Valle Mezzana), posta tra le valli dell'Anina e di Bassinaletto. Deriva dalla parola dialettale "mesÓna" (che sta in mezzo). Il nome Ŕ perfettamente giustificato in quanto questa piccola valle si trova tra le due altre, ben maggiori, valli contigue.
Moliner (MolinÚr) a m.850 a sud-est di Artogne sul versante sinistro della Valle Camonica si apre questa piccola "┴l MolinÚr" (Valle Moliner). La parola deriva dal vocabolo dialettale "molinÚr" (mugnaio), probabilmente per il fatto che nella zona, in passato, era presente e diffusa questa attivitÓ che forse, per muovere le macine, utilizzava l'acqua del torrente.
Monterotondo (Mont Rotˇnd)a m.1.176, a sud-est di Artogne si trova questa montagnola posta tra la Valle dell'Anina e quella di Gratacasolo. Chiara l'etimologia del nome, infatti la forma del monte giustifica pienamente l'appellativo.
Negrass˛lo (Negrash÷l) a m.230, localitÓ tra Artogne e la strada statale del fondo valle. Il nome deriva quasi sicuramente dal cognome "Negrini". Altri studiosi di toponomatica suppongono invece che possa derivare anche dai vocaboli romani "nigrina" e "nigrinus".
Piani-o (PiÓ) a m.660, ormai, vista l'estensione dell'attuale centro abitato, il "PiÓ" di Artogne Ŕ la continuitÓ dello stesso abitato, posto tra questo paese ed il comune di Piancamuno. Dal vocabolo dialettale "piÓ" (piano, estensione di terreno pianeggiante, distesa).
Piazze (Piashe) a m.688, frazione ad est di Artogne. Il nome deriva dal latino "PlÓtea" che significava "piazza". Il locale "piasha" ha lo stesso significato.
Plagne (Plagne) a m.350, zona montagnosa tra i comuni di Artogne e Gianico. Il nome Ŕ derivato da "plagna" (luogo piano fra i monti), nome diffusissimo in molti comuni della Valle Camonica.
Prato (Prat; Pra) a m.1.351, a sud-est di Artogne, sul lato sinistro di Val Bassinaletto Ŕ riportato, su una vecchia mappa catastale del 1750, un "Prato Secondino". Questo sito Ŕ ora dotato di moderni impianti di risalita per lo sci invernale e per passeggiate estive e fa parte del comprensorio sciistico di Montecampione.
Preottone (Preot¨) a m.1.050, a sud-est di Artogne, sul versante destro della valle dell'Anina sono localizzati i "PrÓš de Preot¨" (Prati di Preottone): Ŕ probabile derivi dall'accrescitivo della parola "praedus" (campo, prato).
Ri˛le (Íle)a m.783. LocalitÓ a nord-est di Artogne ed a sud-est di Gianico. "Íle" (olio), ma qui Ŕ probabile derivi da "ri÷le", che suona come diminutivo di "rie" da "Riolus" o rivolus (fiumicello, torrente).
Rive (Rie) a m.241, localitÓ tra i comuni di Artogne e Gianico. Per "rie" in Valle Camonica si intendono le strisce di terreno in "riva", cioŔ accanto ad un pendio o ad un corso d'acqua.
Ronchi, Ronco (RŘch; Ronch; Ruch): in comune di Artogne sono due le localitÓ che si identificano con questo nome e sono poste a m.209 e a m.336, a nord-ovest di Artogne accanto alla riva sinistra del fiume Oglio ed a nord-est dellĺabitato. Dal dialetto lombardo "r˛nch" e dal camuno "rŘch" = colle coltivato, oppure vigneto a ripiani, oppure dal vocabolo latino "ronchus" = rovo, spino. Questo nome Ŕ diffusissimo in tutto l'arco alpino e di solito identificava dei "roccoli" adibiti alla uccellagione.
SŔre (Shere) a m.2.030: ad est di Artogne ed a sud-est della frazione di Piazze: in quota sono localizzati i "prÓc de shere" (prati di sere), parola che potrebbe derivare dal vocabolo "shŔr" (cerro), tipo di quercia molto comune nella zona, ma per altri studiosi di toponomastica deriverebbe da "shÚresh" (granito) anche se questo tipo di roccia non Ŕ presente in questa parte della Valle.
Spluda (Spl¨ghe) a m.1.830: montagna a sud-est di Artogne ed a nord-ovest del comune di Bovegno (Val Trompia). A m.1794 Ŕ riportata, su alcune antiche mappe militari, anche una cascina con lo stesso nome. Deriverebbe dalla parola dialettale camuna "splughe" (caverne), oppure da "speluca" (spelonca).
Stallera (StalÚra) a m.1.560, a sud-est di Artogne, sul versante destro della piccola Val Bassinaletto. Deriverebbe da "stalŔr" (stalliere), di cui "stalŔra" sarebbe il femminile: nel dialetto locale il termine potrebbe significare anche "stalla grande".
Tavole (TÓole) a m.450, zona a sud-ovest di Artogne, da "tÓole" (tavole, assi di legno). Lo stesso termine era (ed Ŕ tutt'ora in molti comuni della Valle Camonica) indicante una misura agraria (pari a 330 mq.), dieci "tÓ˛le" formavano un "pi˛".
Torre (Tˇr) a m.325, localitÓ a sud-ovest di Artogne, sul versante destro della valle di Gratacasolo.
Valle Negra (Val, ┴l Negra) piccola valle che si diparte da una quota di m.1.025, a sud-est di Artogne, sul versante sinistro della Valle Camonica.
Vissone (Ish¨) a m.875, frazione a sud-ovest di Artogne, sul lato destro della valle di Gratacasolo. Da questo agglomerato di case si gode una bellissima vista su tutta la bassa Valle Camonica fino al lago d'Iseo. Potrebbe derivare da "vizza" per "guizza" (bosco).

Copyright ę INTERCAM Darfo Boario Terme (Brescia - Italy)